Storie di successo: la trasformazione di M.C.

blank
Continua l'allenamento! seconda scheda
Gennaio 21, 2016
Insalata di bulgur con verdure
Gennaio 25, 2016

Storie di successo: la trasformazione di M.C.

Questa settimana vi presento M.C. e  voglio condividere con voi la bellissima testimonianza.
Personalmente ricordo e ricorderò per sempre questo inizio percorso, da subito una sfida di grande valore, di grande importanza.  Si esatto, era davvero molto importante che non si spaventasse per ciò che l’attendeva, non volevo che tornasse a quello stile di vita che ti toglie la vita.  Si è trasformata nella vincitrice indiscussa delle mie soddisfazioni 2015 Professionali !
Non voglio aggiungere altro, perché le sue parole, più delle mie saranno comprese da chi come lei ha combattuto o cerca di combattere con se stessa/o.
 
IMG_2942 [532474]
 
 
Dicono che se non ti scatta quel “qualcosa dentro” ci puoi provare mille volte ma non ci riesci; certe volte però ad aspettare che ti scatta quel qualcosa dentro, la situazione degenera e allora bisogna guardare solo la realtà dei fatti, rimboccarsi le maniche e buttarsi. Il mio percorso è iniziato esattamente il 29 aprile 2015, 9 mesi fa. Me lo ricordo quel giorno, quando solo una breve passeggiata mi aveva reso paonazza e senza fiato, praticamente una schifezza.
Questo percorso io l’ho preso come un dato di fatto, dovevo farlo perché non avevo altre alternative, un po’ l’ultima spiaggia, dopo aver provato  un milione di diete mai riuscitepoi non so bene nemmeno io cosa sia successo, ma mi sono completamente “abbandonata” alla nuova quotidianità e il movimento con il mangiar sano hanno iniziato a far parte della mia vita.
Dal punto di vista alimentare credo sia stato un toccasana il consiglio di eliminare completamente tutto quello che c’è di preparato /industrializzato e basare i pasti sono su pietanze naturali. Io prima quando facevo le classiche diete, continuavo a mangiare sempre queste cose industrializzate, in minore quantità, solo che poi queste schifezze ti fanno entrare in un meccanismo sbagliato perché meno ne mangiavo e più le bramavo. Eliminare completamente questo tipo di cibo mi ha permesso di disintossicarmi completamente, dopo un periodo di tempo  il corpo non  cerca più questi alimenti, quindi questa è sicuramente una cosa da fare.
L’altro aspetto è l’attività fisica: parliamoci chiaro a me il movimento non piace per niente, sono una pigra “dentro”, divano dipendente, ma chi ha problemi importanti di peso, si deve muovere punto e basta. Quindi allenamento dopo allenamento, anche quando ancor prima di cominciare scuotevo la testa dicendo che non ce l’avrei fatta, alla fine ce la facevo e niente sembrava impossibile.
Tutto quello che ho fatto, l’ho fatto però perché non ero da sola, certe cose da sola non credo si possano fare, perché è importante essere seguiti da un professionista, ma è anche tanto importante se non fondamentale, potersi appoggiare ad un’altra persona, avere una spalla insomma, essere in due a lottare. Io a Simone mi sono appoggiata tante volte, eccome se mi sono appoggiata per non cadere, perché la strada era in salita, perché avevo bisogno che Simone mi spronasse, che Simone mi tirasse, che Simone mi indicasse la via, avevo bisogno che Simone mi mandasse un messaggio dopo l’allenamento per sapere se ero viva, che Simone mi chiedesse l’aggiornamento peso, avevo bisogno che Simone mi chiedesse semplicemente come stavo.
Simone è bravo, tanto bravo ed è a lui che non smetterò mai di dire GRAZIE ,
grazie Simo perché stai riuscendo dove altri prima non ce l’avevano fatta, grazie Simo perché stai ridando un nuovo sapore alla mia vita, grazie Simo per tutte quelle volte che non ce la faccio ma tu mi sei vicino a dimostrarmi che non è vero, grazie Simo per esserti svegliato con me per tanti mesi alle 5 di mattina per iniziare l’allenamento alle 6, grazie Simone perché non sono molto brava con le parole e spero tanto che un semplice GRAZIE possa farti capire anche solo in piccola parte cosa  hai fatto per me !
Il percorso con Simone non è finito, siamo a buon punto ma non è finito: Probabilmente si modificherà quando decideremo che potrò seguire un functional group invece di lezioni individuali, ma a tutte le persone che leggono e seguono, vorrei solo dire PROVATECI ANCHE VOI, perché potrebbe essere la volta che ci si riesce, potrebbe essere l’inizio di qualcosa di nuovo, perché è tanto bello sentirsi bene e in salute, perché è un dovere nei confronti di noi stessi vivere bene, quindi PROVATECI ANCHE VOI e magari tra qualche mese l’articolo sul blog di Simone che parla di TRASFORMAZIONI potrebbe avere VOI come protagonisti!  😉